Invalsi: no alla scuola quiz e alla mercificazione del sapere!

A cosa servono le prove Invalsi così fortemente contestate dal mondo della scuola? Qual è il fine ultimo di testare a tappeto, tramite questionari standardizzati con domande per lo più a risposta chiusa, tutti gli allievi delle scuole primarie e secondarie d’Italia senza distinzione alcuna in relazione al contesto geografico e socio-economico in cui la scuola opera? La scuola pubblica che si fa azienda, competitiva sul mercato, valutata sulla base di criteri ispirati all’efficienza e alla produttività, forse un giorno quotata in borsa, chissà. Come…

Il contributo volontario non è obbligatorio!

Il Miur ha nuovamente chiarito che il contributo volontario è una “violazione del dovere d’ufficio subordinare la regolarità dell’iscrizione degli alunni al preventivo versamento di somme ulteriori rispetto alle normali tasse erariali”. Sul sito internete dell’ufficio relazioni con il pubblico del Miur si legge: “Eventuali contributi possono dunque essere richiesti solo ed esclusivamente quali contribuzioni volontarie con cui le famiglie, con spirito collaborativo e nella massima trasparenza, partecipano al miglioramento e all’ampliamento dell’offerta formativa degli alunni, per raggiungere livelli qualitativi più elevati.” Purtroppo il contributo…

CONVEGNO “SCUOLE E DOCENTI: LA VALUTAZIONE TRA MYTHOS E PRAXIS”

Il M5S è lieto di invitarvi al convegno dal titolo: “SCUOLE E DOCENTI: LA VALUTAZIONE TRA MYTHOS E PRAXIS”   È possibile valutare le scuole e i docenti?   Quali sono i vantaggi e quali gli svantaggi dell’attuale sistema di valutazione?   Esistono modelli stranieri virtuosi a cui l’Italia potrebbe ispirarsi?   Durante l’incontro tenteremo di rispondere a queste domande e approfondiremo un tema complesso e controverso quale quello della valutazione del sistema d’istruzione italiano.   Per partecipare, è necessario inviare una mail con i…

Uccidete la scuola perché volete sudditi!

“Uccidete la scuola perché volete sudditi!” Intervento finale durante l’approvazione della legge 107. Era il 20 maggio 2015. “Grazie Presidente, la morte della scuola pubblica italiana è una lenta agonia che dura da vent’anni, ma che inizia la sua fase terminale con la pubblicazione della “Buona Scuola”: il primo di una lunga serie di nauseanti spot. Col passare dei mesi “la Buona Scuola” ha perso le poche note positive e assunto i contorni di una carneficina. Una carneficina che cercate pateticamente di nascondere riempiendovi la…

Miur assuma su fabbisogno reale della scuola!

Ieri, durante il Question Time, ho chiesto alla Ministra Fedeli di garantire l’utilizzo di tutte le risorse stanziate per le trasformazioni dei posti da organico di fatto in organico di diritto, fino all’ultimo centesimo. Le 126mila supplenze di quest’anno rendono inaccettabili i giochi al ribasso tra Ministero dell’Istruzione e Ministero dell’Economia. Bisogna assumere sul fabbisogno reale della scuola, garantendo agli studenti professori fissi fin dai primi giorni di scuola. Il video del mio intervento: